- sentieri -

05 – L’antica via della Valsassina

Itinerario escursionistico mediamente impegnativo alla scoperta del lato nascosto del territorio di Bellano, immerso nei castagneti, un tempo percorso dai viandanti dediti al traffico via terra con la Valsassina e Lecco.

La prima parte del tracciato è identica a quella dell’IT.04 dal quale si distacca in corrispondenza della Via Crucis di Sant’Andrea. Qui si prende a sinistra e ci si inerpica fino a sopra l’impressionante canyon dell’Orrido, dove inizia la cascata.

BELLANO

San Rocco – Bonzeno – Pegnino – Portone – Parlasco – Portone – Croce del Gallo – Biosio – Bellano

VARIANTI

Da Portone si può tornare a Bellano senza giungere a Parlasco

TRACCIA DEL PERCORSO

Scarica il percorso in formato gpx

Si attraversa in leggera salita l’abitato di Bonzeno, si supera la SP62 e dopo una discesa sull’asfalto, in corrispondenza del tornante si imbocca, in senso opposto al corso del Pioverna, l’antica mulattiera incassata nella Val Muggiasca.

Si cammina attraversando castagneti e rari prati posti sul versante Nord del San Defendente, fino ad arrivare alla meta.

L’antica via per la Valsassina

A Portone esisteva una dogana fortificata, condivisa con le genti dei Monti di Varenna, presso la quale nel passato sono avvenuti scontri per la difesa del territorio bellanese da nemici esterni. Proseguendo si raggiunge Parlasco dove si visita il borgo pittato.

Si torna per il medesimo tragitto fino a Portone.

La ripida discesa a Biosio, prima, e a Bellano, poi, avviene sul tracciato dell’IT.06 percorso al contrario.

Iscriviti alla Newsletter

Usiamo Mailchimp come nostra piattaforma di marketing. Cliccando per iscriverti, riconosci che le tue informazioni saranno trasferite a Mailchimp per l'elaborazione. Per saperne di più sulle pratiche di privacy di Mailchimp qui.