- sentieri -

09 – La terza parrocchia: San Gregorio Magno

L’itinerario è, nella sua versione integrale, consigliato a escursionisti ben allenati interessati ad una passeggiata panoramica a mezza costa sul lago e a visitare la frazione di Noceno, tra le più rurali del territorio.

Nell’abitato di Vendrogno si prende Via per Noceno e si sale sulla mulattiera in mezzo ai prati permanenti fino a località Casa Mia. Al bivio si prosegue in piano: per i prossimi 5 km circa la quota resterà pressoché identica.

VENDROGNO

Piazzo – Noceno – Pratolungo – Camaggiore – Noceno – Vendrogno

VARIANTI

Interruzione a Noceno o Pratolungo e ritorno su stesso percorso

TRACCIA DEL PERCORSO

Scarica il percorso in formato gpx

Al successivo bivio si sale, in prossimità dell’agriturismo La Madonnina, sulla carrozzabile che prosegue tra castagneti, dove possiamo individuare alcuni esemplari monumentali. Alla nostra sinistra si aprono e chiudono scorci sul lago. Poco prima di arrivare alla frazione attraversiamo la prima Val Grande, ideale confine Sud della comunità di Noceno con le genti di Vendrogno.

La terza parrocchia: San Gregorio Magno

Il borgo che incontriamo poco dopo ha conservato tutte le sue caratteristiche di rusticità, legate a una economia contadina di sussistenza. Nonostante ciò, la chiesa di San Gregorio Magno che raggiungiamo al termine dell’abitato, è stata dal 1710 al 1986 parrocchia autonoma. Sulla facciata un leone di San Marco, affrescato da mano poco artistica ma molto didascalica. Il paesaggio sul lago e le montagne che lo coronano sono impagabili. Il piccolo cimitero prospiciente il sagrato ci lascia facilmente immaginare aspettative, fatti e sentimenti che costituivano le vite delle persone della comunità qui sepolte. Di fianco al cimitero parte il sentiero che rientra nel castagneto e ci porta dentro e fuori numerose valli, tra cui la seconda Val Grande, confine a Nord della comunità con le genti di Dervio. Giunti sul pratone che abbraccia le cascine di Pratolungo, prendiamo verso l’alto e in breve saliamo sulla agrosilvopastorale che, facendoci svoltare su alcuni successivi tornanti, ci porta con pendenza costante all’alpeggio di Pratolungo, tradizionalmente caricato dalle genti di Dervio.

Più sopra, sempre seguendo la strada sterrata, rientriamo nel confine della comunità di Noceno e visitiamo il relativo alpeggio di Camaggiore. Da qui la discesa avviene, fino a Noceno, su parte del tracciato 07 già descritto, però percorso in senso contrario. Da Noceno il rientro a Vendrogno segue il tracciato inverso a quello dell’andata.

Iscriviti alla Newsletter

Usiamo Mailchimp come nostra piattaforma di marketing. Cliccando per iscriverti, riconosci che le tue informazioni saranno trasferite a Mailchimp per l'elaborazione. Per saperne di più sulle pratiche di privacy di Mailchimp qui.