Acquista online la tua visita all'Orrido e alla Ca' del Diavol
– BELLANO –

In rilievo questo mese:
Orrido Magic Christmas Lights 2022 – Un Natale da Favola

Dal 3 dicembre l’Orrido di Bellano indossa i colori e le luci del Natale e si trasformerà in un magico percorso illuminato dedicato alla festa più attesa dell'anno! Quest'anno il tema delle ambientazioni è quello delle favole! Un mondo animato da Topolino, Pluto, Olaf, trolls e tanti altri personaggi vi aspetta! ACQUISTA ONLINE IL TUO [...]

– BELLANO –

Ultime Notizie

IL BELLO DELL’ORRIDO – GIORNO DELLA MEMORIA

Il Bello dell’Orrido riparte con un triplo appuntamento in occasione del GIORNO DELLA MEMORIA   Venerdì 27 gennaio proiezione del film di animazione “Anna Frank e il diario segreto”. Ore 21 al Cinema di Bellano. Ingresso gratuito. 
Sabato 28 gennaio alle 17 Armando Besio dialoga con Emauele Fiano autore di “Ebreo”. Una storia personale dentro […]

Continua a leggere...

I Legnanesi

10 MARZO 2023 ORE 20:45 PALASOLE - BELLANO (LC) I LEGNANESI CON LO SPETTACOLO "SOGNI" I LEGNANESI tornano con il nuovo spettacolo "Sogni". C’è tanta voglia di ridere e sognare, di trascorrere due ore spensierate insieme alla Famiglia Colombo (Antonio Provasio/Teresa, Enrico Dalceri/Mabilia e Lorenzo Cordara/Giovanni) e agli altri personaggi del cortile: I Legnanesi, ancora [...]

Continua a leggere...

Servizi

– BELLANO –

Bellano con gli occhi di Andrea Vitali

Paese grosso, importante, popoloso, denso di traffici. Negozi da perderci il conto, osterie pure. Un porto che, gli avevano raccontato, non avrebbe sfigurato sulle rive di qualche mare e che era un andirivieni continuo di comballi che andavano su da Como o di barcarozzi che venivano giù dall’alto lago scaricando merci che poi da lì partivano alla volta delle valli che stavano alle spalle del paese. C’era tutto. Una pretura, dalla quale era meglio stare alla larga, e un ospedale che avrebbe servito la popolazione di mezzo lago e dei paesi di montagna.
Alberghi di lusso, in uno dei quali gli avevano raccontato che avesse dormito Garibaldi, e locande anche per il popolino. E non era mica finita lì, perché oltre a tutto quel movimento, c’era anche un santuario sulla montagna, dedicato alla Madonna che aveva pianto lacrime di sangue ai tempi di Carlo Codega, che richiamava frotte di pellegrini anche dai Grigioni. Insomma, un posto vivace dove la moneta circolava e la gente però non aveva in testa il solo lavoro.
Forse che non c’erano anche due filodrammatiche?
Un teatro dove passavano le compagnie di giro di mezza Lombardia?
E delle osterie, l’aveva detto che erano ben diciassette, se era chiaro quello che voleva intendere?
Una bocciofila.
Un campo di calcio.
Un circolo vela affiliato a quello di Como. Vita, insomma.

Andrea Vitali
Premiata Ditta Sorelle Ficcadenti

Iscriviti alla Newsletter

Usiamo Mailchimp come nostra piattaforma di marketing. Cliccando per iscriverti, riconosci che le tue informazioni saranno trasferite a Mailchimp per l'elaborazione. Per saperne di più sulle pratiche di privacy di Mailchimp qui.